Google+ Badge

mercoledì 26 ottobre 2016

Dei parchi urbani

                                              Giardimi Montanelli, acquarello su carta, 2009

Vedo sui giornali che a Milano si dibatte molto intorno alla destinazione a verde degli  ex scali ferroviari ed anche di altre aree, come se questa destinazione in se costituisca una panacea di tutti i mali della città. Ecco cosa scrivevo a proposito dei parchi su L’altro architetto.

Il problema del verde in città è annoso e si trascina dalla prima rivoluzione industriale. In genere nella città europea i parchi centrali sono i giardini dei palazzi nobiliari di un tempo, che sono diventati pubblici. All’esterno sono invece aree faticosamente sottratte alla speculazione edilizia e attrezzate per il tempo libero. Ora, non è detto che grandi aree verdi, a parte il benefico effetto sul clima urbano, siano luoghi di delizie: occorre che prima di tutto vi sia una buona sorveglianza, i quartieri che vi si affaccino non siano solo malfamati, e che quindi il parco non diventi a sua volta un non-luogo, abbandonato in certe ore del giorno. Esso va vissuto. Sarebbe meglio avere tanti piccoli giardini che non grandi parchi che nessuno gode. I grandi parchi dovrebbero funzionare come oasi del continuum costruito, dove chi vuole può avere la possibilità anche di praticare l’agricoltura e coltivarsi un orto: allora si avrebbe una presenza continua di persone che tornano alla natura per lavorare la terra come un tempo, con una produzione di frutti che può costituire una risorsa. Del resto anche il paesaggio agrario che circonda le aree urbane ha una sua nobiltà storica, che dovrebbe essere difesa. Vivendo nelle città, spesso, ci dimentichiamo che è dalla natura che scaturisce la vita, anche la nostra, e quindi il sentimento legato alla bellezza, che ce la fa scoprire, si rivolge in primis a lei, se accettiamo la definizione: bellezza uguale rispetto per la vita. La natura quindi è bella in quanto, per dirla con i Greci, è manifestazione di cosmos, ovvero dell’estetica dell’essere. Tuttavia in natura vigono le differenze: ogni organismo e luogo hanno un loro potenziale energetico relativo alla loro funzione nel sistema. Certi organismi noi li vediamo brutti perché li togliamo dal loro contesto vitale e proiettiamo su di loro le nostre parti poco gradevoli. Alla domanda se, allora, sia bella solo la natura, si può rispondere che è bella la natura, ma è altrettanto bella la produzione artistica in chiave ecologica. Ecco perché i giardini, i parchi e gli alberi nelle città ingentiliscono e umanizzano panorami artificiali a volte squallidi e costituiscono una componente estetica non indifferente nelle aree abitative e lavorative. Da L'altro architetto . Giampiero Casagrande editore

Nessun commento:

Posta un commento